Sembra ieri quel 4 giugno 1994 in cui Napoli e l’Italia intera si svegliarono senza Massimo. Attore, regista e poeta napoletano, ha lasciato un vuoto incolmabile, riuscendo a toccare il cuore non solo dei partenopei, ma di una nazione intera, con la sua “napoletanità” e la sua ironica spontaneità, unita a un pizzico di malinconia.

Non c’è persona che non conosca almeno uno dei suoi film o la mitica “Smorfia”, con cui al fianco di Lello Arena ed Enzo Decaro sfondò nella televisione italiana, arrivando dritto al cuore del pubblico e superando qualsiasi limite linguistico, portando Napoli e la lingua napoletana in tutta Italia con fierezza e simpatia.  

Massimo Troisi, Lello Arena ed Enzo Decaro

Infatti, dopo un debutto, che potremmo definire “in culla”, per una pubblicità di un prodotto per bambini, a 15 anni iniziò a sperimentare l’arte teatrale, per poi farsi conoscere come cabarettista con “La Smorfia”, che aprì una lunga ed eccezionale strada nel mondo della televisione e del cinema.    

Roberto Benigni e Massimo Troisi

Ricomincio da tre”, “Scusate il ritardo” e “Non ci resta che piangere” sono solo alcuni dei grandi film di Massimo, in cui ad emergere prima di ogni cosa è la sua grande abilità ad essere sempre se stesso, che sia su un palcoscenico, su un set cinematografico o televisivo, lui era lì, senza veli e senza peli sulla lingua, pronto a dire la sua nella maniera più chiara e diretta possibile, con schiettezza e tagliente sincerità, come un rivoluzionario.  

Ricomincio da tre
Massimo Troisi e Pino Daniele
Maradona e Massimo Troisi

Perché è questo che fa un vero artista attraverso la sua arte: una straordinaria rivoluzione della realtà, svelando con maestria la verità e dando voce a tanti con il suo genio.   
Impossibile dimenticare la sua amicizia con Pino Daniele, Gianni Minà e Roberto Benigni, nonché i suoi commenti sulla società, sulla politica, sui cliché legati ai napoletani e, soprattutto, sul calcio e il mitico Maradona. E lo faceva senza mai risultare ovvio, scontato e banale, con quello sguardo acceso e un po’ malinconico.   
E stava proprio in questo la sua bravura, ma soprattutto, nell’aver lasciato un segno indelebile, che resta anche se fisicamente lontano, come succede solo con i grandi geni.     

Il Postino

E diciamolo con fierezza e orgoglio, per ricordare anche le cose e le persone belle che ci regala Napoli e che rappresentano le virtù e il calore del nostro popolo.   

Ciao Massimo, poeta malinconico della verità.  

About the author

Martina Ferrara

Martina Ferrara. Fotografa e Social Media Manager della 8mm. Mi piace raccontare le emozioni e le storie delle persone e condividerle con voi attraverso le parole e le immagini, che spesso arrivano dove la penna non riesce :)

  • Alla scoperta delle bellezze di Bacoli: il Cala Moresca
    Alla scoperta delle bellezze di Bacoli: il Cala Moresca
  • Mostra del Cinema di Venezia: un nuovo passo per la 8mm!
    Mostra del Cinema di Venezia: un nuovo passo per la 8mm!
  • Il miglior compagno di ogni sposa: il bouquet
    Il miglior compagno di ogni sposa: il bouquet
  • Sposarsi in Primavera
    Sposarsi in Primavera